Ex chiesa di Santa Lucia di Gaeta, attraverso la storia - itLatina

itLatina

CHIESE EDIFICI STORICI

Ex chiesa di Santa Lucia di Gaeta, attraverso la storia

Ex chiesa di Santa Lucia - Trittico che era nella chiesa

Ex chiesa di Santa Lucia, tra le mura più antiche della città. La chiesa si trova nel centro storico, in via Ladislao. Si tratta davvero della più antica chiesa della città; frutto dell’ampliamento dell’XI secolo di un preesistente luogo di culto. 

Ex chiesa di Santa Lucia di Gaeta

Chiusa al culto nel 1966, sconsacrata nel 1972 ed è di proprietà del comune di Gaeta. L’edificio è in stile romanico gaetano; caratterizzato da influssi paleocristiani e bizantini. Nel sito dell’attuale edificio, vi era un luogo di culto già tra l’VIII e il IX secolo; con ingresso sull’antico decumano. La sua lunghezza era pari alla larghezza dell’aula odierna.La chiesa era a navata unica, probabilmente coperta con soffitto a capriate lignee, con due bifore. Sappiamo che la chiesa è stata dedicata a santa Lucia a partire da un documento del 976.

Ex chiesa di Santa Lucia - Interni Della Chiesa di Santa Lucia
fonte foto – Wikipedia – Pufui PcPifpef – CC BY-SA 4.0

Nel XII secolo la chiesa ricostruita prese come modello la basilica abbaziale di Montecassino. L’asse ruotò di 90°, cosicché l’antica facciata restò inglobata nella parete laterale di sinistra. L’ambiente assunse una pianta basilicale di derivazione paleocristiana a tre navate; separate da archi poggianti su colonne di spoglio e coperte con soffitto a capriate.

Stile romanico

A partire dalla ricostruzione dell’XI secolo, la chiesa assunse la titolazione di Santa Maria in Pensulis; per la presenza nella zona di giardini pensili. La chiesa subì un restauro nel XIII secolo, probabilmente in seguito al terremoto del 1º giugno 1213. In tal frangente l’originaria copertura a travi lignee venne sostituita con volte a crociera; per questo motivo fu necessario rinforzare le pareti con contrafforti. Per tutto il medioevo, dall’VIII-IX secolo fino al XV, l’interno della chiesa si arricchì con affreschi, in alcuni casi anche coprendo quelli più antichi.

Ex chiesa di Santa Lucia - Campanile della chiesa restaurato
fonte foto – Wikipedia – Pufui PcPifpef – CC BY-SA 4.0

Nel corso dei secoli successivi la chiesa non subì modifiche sostanziali. Gli interventi condotti arricchirono l’interno dell’edificio con elementi decorativi in stile rinascimentale e barocco. Risale al 1456 un trittico raffigurante l’Incoronazione della Vergine, un Crocifisso dipinto. Successivi sono invece alcuni altari laterali lungo le navate minori.

Luoghi di culto pontini

Nel 1646 ci fu un restauro in chiave barocco, con  quatto nuovi altari di cui uno a Santa Lucia. Nel corso del XIX secolo, la chiesa, troppo piccola per essere riadattata a scopi militari, continuò ad essere parrocchia, e vi si officiava regolarmente; pur versando in uno stato precario. Tra corsi e ricorsi storici, tra il 1934 e il 1937 la chiesa fu oggetto di un radicale intervento di restauro.

Ex chiesa di Santa Lucia - complesso Mosaico della cappellina
fonte foto – Wikipedia – Pufui PcPifpef – CC BY-SA 4.0

Si consolidò la struttura e rimosse tutte le decorazioni barocche. La chiesa divenne piuttosto scarna, e si demolirono tutti gli altari (incluso l’altare maggiore in scagliola); ad eccezione di quello marmoreo posto in corrispondenza dell’abside della chiesa altomedievale. Il nuovo altare maggiore venne realizzato riutilizzando come mensa la lastra tombale del vescovo Carlo Pignatelli; e sepolto nella chiesa stessa nel 1730) posta su due colonnine, e assemblando insieme i resti di due antichi plutei, precedentemente murati ai lati dell’abside.

Ex chiesa di Santa Lucia di Gaeta

Il manufatto era costituito da elementi musivi cosmateschi e, ai lati del tabernacolo, da quattro bassorilievi del XIII secolo raffiguranti l’Aquila, l’Angelo, un Grifone e una Sirena bicaudata. Si smembrò il retablo ligneo rinascimentale mantenendone soltanto il trittico di Giovanni di Gaeta del 1456 e la cornice; il trittico venne rimosso e sottoposto a restauro nel 1956. Poi tornò al suo posto, insieme al Crocifisso dipinto dello stesso autore, presso il Museo diocesano. Si rifece anche la pavimentazione, La chiesa subì danneggiamenti dai bombardamento del 1943. Rimase regolarmente officiata fino al 1966, poi chiusa al culto per poi essere sconsacrata nel 1972. Dal 2003, essendo di proprietà del comune di Gaeta, quest’ultimo concesse di utilizzare l’edificio come sede alternativa per celebrare dei matrimoni con rito civile. Nel 2016 il comune ha approvato la riconversione dell’edificio in teatro per nuovi linguaggi, prevedendo nuovi restauri per adattarlo a tale destinazione.

© Riproduzione riservata

Ex chiesa di Santa Lucia di Gaeta, attraverso la storia ultima modifica: 2021-12-13T07:00:00+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x