Giancarlo Veazey Di Trapano e Castelletto di Sezze - itLatina

itLatina

ARTE EDIFICI STORICI

Giancarlo Veazey Di Trapano e Castelletto di Sezze

Giancarlo Veazey Di Trapano - Restauro del Castelletto completo

Giancarlo Veazey Di Trapano, una parabola durata alcuni anni, quella dell’avventura di residenza per scrittori a Sezze. Resta l’esempio e la consapevolezza del grande potenziale di questo territorio. L’esistenza da romanzo di Giancarlo Di Trapano si colorò di una nuova impresa, tornando alle sue origini, a Sezze. Di Trapano da poco tempo è scomparso, ma la sua impronta è indelebile.

Giancarlo Veazey Di Trapano

Forse dovremmo partire dalla Virginia in cui emigrò il nonno, oppure dal giornale letterario NY Tyrant che fondò lui. Anni fa, Giancarlo a New York era conosciuto come un editor d’avanguardia, eccentrico. Collaborava con riviste sperimentali, ma si teneva lontano dai loro uffici.

Giancarlo Veazey Di Trapano - Castelletto D'epoca in una rara cartolina

Cercava nuovi scrittori, ma senza passare per le agenzie letterarie. Come lettore appassionatissimo, geniale e ben presto capisce che se vuole pubblicare i libri che gli piacciono, deve mettersi in proprio. È così appunto fonda il giornale New York Tyrant, che poi si è evoluto in Tyrant Books.Orbene, comincia a pubblicare gli autori emergenti più interessanti della scena americana: Megan Boyle, Kim Chinquee, Sheila Heti, Clancy Martin. In pochi anni, molti dei suoi libri sono opzionati da Hbo. Il caso più clamoroso, quello di Nico Walker, un ex veterano della guerra in Iraq che, con sindrome da stress post-traumatico. Diventa rapinatore di banche.

Giancarlo Veazey Di Trapano e castelletto di Sezze

Ricordiamo anche quello di Atticus Lish, che con il suo Preparation For The Next Life si è conquistato anche un Pen Award nel 2015. Nel 2016, dopo una vibrante asta dei produttori per i diritti cinematografici; il romanzo va alla Knopf. Con quei soldi Giancarlo chiude con New York e si trasferisce a Sezze.

Giancarlo Veazey Di Trapano - Facciata Casteleltto dopo il totale restauro

Sposa Giuseppe Avallone, costumista di cinema e teatro e scenografo; che lo aiuta a restaurare la storica dimora di famiglia. Parliamo del mitico castelletto diroccato del ’700. Vuole creare una residenza per scrittori. Diceva che imparare l’italiano era stato importante per approfondire l’inglese.Non puoi veramente conoscere la tua lingua madre se non hai la possibilità di guardarla da una lingua straniera”, così diceva. Raccontava del suo primo impatto con “castelletto di Sezze”, spazio usato per il progetto Mors Tua Vita Mea. La prima volta che era stato a Sezze aveva solo nove anni.

Residenze per artisti

Il castelletto resta diroccato per 90 anni. Lui poi, trasferendosi, avvia i lavori, poi arrivano i workshop e altre attività. Giancarlo non molto tempo fa, sosteneva che ci sono molti scrittori talentuosi in giro. Per lui, più siamo a raccontare storie, meglio è. Veniva contattato da tanti agenti letterari, ma ha sempre preferito scoprire da solo i suoi scrittori. L’idea che aveva era quella di offrire residenze per scrittori, scultori, pittori e musicisti e dargli la possibilità di rimanere anche per un mese per lavorare.

Giancarlo Veazey Di Trapano -  Scorcio Del Castelletto al tramonto

Come forma di compenso, chiedeva che una delle loro opere rimanesse al castello. Di Trapano diceva: “Diventare scrittori non deve significare per forza isolamento e sofferenza, può voler dire anche spiagge, giardini di Ninfa, vino bianco e castelli abbandonati”. I suoi workshop erano sui generis: editing di manoscritti, gite culturali, cibo casareccio, racconti sui fantasmi del palazzo e incontri con scrittori e artisti.

Castelli e manieri pontini

Ha inventato velocemente una comunità con regole tutte sue. È nato tutto su Twitter. Con Chelsea Hodson si posta l’idea e rapidamente arrivano application da scrittori di tutto il mondo. Una delle idee era di lavorare con un gruppo ristretto di scrittori; in modo da mantenere un certo rigore con il lavoro. Visionario, immaginifico, Giancarlo immaginava il castelletto nel futuro pieno di vita. Un luogo dove artisti e intellettuali possano sempre radunarsi. Film d’autore da proiettare e poi coinvolgere sempre di più le persone del paese. La proprietà per Giancarlo era  silenziosa e foriera di creatività. Già, Di Trapano sentiva il polso di Sezze, si compenetrava e percepiva le potenzialità ancora inespresse del territorio. Scegliere il paese del nonno, emigrato per lavorare in miniera, era stato istintivo, azzardato. Ma chi è madre lingua inglese, ben sa cosa sia il “Grand Tour”, solo che lui, lo aveva resto stabile.

Fonte foto- pag. uff. Villa di Trapano Facebook

Giancarlo Veazey Di Trapano e Castelletto di Sezze ultima modifica: 2021-07-05T07:00:00+02:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Katherine Alexandra Giudice

😍

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x