La regione del Carso e le epiche battaglie - itLatina

itLatina

STORIA VALORI

La regione del Carso e le epiche battaglie

La regione del Carso - Costa a strapiombo

La regione del Carso è stata senza dubbio un vero e proprio mattatoio della Grande Guerra. I borghi di Latina, storicamente, prendono il nome da luoghi in cui si combatté aspramente durante la prima guerra mondiale, ma sovente, si passa davanti ad una tabella, senza soffermarsi o senza sapere cosa c’è dietro.

La regione del Carso

Molti reduci ebbero una possibilità di rivalsa sulla vita, di ricostruirsi, accedendo ad un podere fertile, ma la storia alle spalle è cruenta e costellata di fatica e dolore. Quella del Carso, fu una guerra di trincea in un territorio calcareo complicato; le cui rocce non si frantumano ma si scheggiano, trasformandosi in scaglie di morte. Ciò non agevolava affatto la vita dei soldati. Parliamo nello specifico, di 12 battaglie tra le più simboliche; combattute in pochi chilometri per anni.

La regione del Carso - bassorilievo in dettaglio

Conquistando pochi metri con sangue e sudore. Per poi perderli nel successivo attacco nemico, così, come niente. Quella fu una linea di sangue, di nuove reclute da mandare al macello, in un disperato tentativo di ridare la terra a quegli italiani che abitavano in terre occupate. Sul Carso combatterono davvero un po’ tutti, dagli intellettuali a semplici contadini, uomini di valore che si distinsero in azioni coraggiose per la Patria.

Ungaretti sul Carso

Alcuni, sconvolti, terrorizzati dalle mutilazioni e dalla possibilità di morire tra strazi atroci, abbandonarono le armi e s’imboscarono tra anfratti e boschi. Lassù combatté anche Ungaretti che qui vergò una delle sue poesie più note. Quindi il Carso è stato uno dei simboli storici emblematici della Grande Guerra Italiana.

La regione del Carso- Carso E Mare con veduta

Del resto, il corpo del Milite Ignoto è stato scelto qui da Maria Bergamas, madre di un volontario irredentista di Gradisca d’Isonzo, e da qui è partito il suo viaggio verso la Capitale. Molte vite sono state sacrificate qui e molte decisioni che hanno segnato il corso della guerra hanno riguardato quest’area. Il Carso, noto anche come altopiano Carsico o CarsiaIulia Carsa ed è una regione, un altopiano  roccioso calcareo; che si estende a cavallo tra Friuli-Venezia Giulia, Slovenia e Croazia.

Milite Ignoto

Dal nome della regione geografica del Carso di Trieste, oggetto dei primi studi e presa come riferimento, nota anche come “Carso Classico”; è derivato il termine carsismo. Questo toponimo a sua volta deriva dalla radice “kar” o “karra”, di origine paleoindoeuropea con significato di roccia, pietra. Il carsismo del resto è un fenomeno ben noto anche nell’Italia centrale. Questa zona è ricca di grotte di varie dimensioni, per cui nel territorio si sono sviluppate molte società speleologiche di studio e ricerca. Molto è ancora da esplorare e scoprire nelle viscere della terra.

La regione del Carso- Altopiano Del Carso sullo sfondo

Le più famose tra queste grotte, sono la grotta Gigante, la Grotta delle Torri di Slivia. Poi le grotte di San Canziano e le grotte di Postumia. Quindi ci troviamo su un altopiano roccioso calcareo; noto storicamente sopratutto per essere stato teatro delle violente battaglie durante la prima guerra mondiale di cui parlavo.

La regione del Carso e il Sacrario dei Caduti della Grande Guerra

Si scontrarono qui le truppe italiane e quelle austro-ungariche. Erano tanti giovani a scontrarsi, alcuni di fatto pressoché adolescenti. Erano Cecoslovacchi ribelli e italiani irredenti, uniti contro l’invasore austriaco. Ed è qui che si trova il più importante e maestoso Sacrario dei Caduti della Grande Guerra. Sul Carso le tracce della Grande Guerra sono ancora visibili, quei luoghi cruenti sono tutt’oggi visitabili. 

La regione del Carso e le epiche battaglie ultima modifica: 2022-11-18T07:00:00+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x