Lavatoio località Fontane, simbolo setino - itLatina

itLatina

LUOGHI DI RITROVO MEMORIA

Lavatoio località Fontane, simbolo setino

Lavatoio in Località Fontane - antico lavatoio

Lavatoio località Fontane, un simbolo iconico. Del resto, c’è stato nella vita delle donne, non solo italiane, un momento spartiacque, che ha cambiato radicalmente non la conduzione domestica, bensì la vita stessa a tutto tondo delle stesse. La svolta è avvenuta con l’invenzione della lavatrice.

Lavatoio Località Fontane

Oggi premiamo un bottone e abbiamo tempo per leggere un libro, ma un tempo lavare era faticosissimo. Ogni lavatrice dovrebbe essere venduta con un libricino, in cui si racconta la vita delle donne, massaie, lavandaie che andavano a fare il bucato al fiume e nei lavatoi pubblici. In estate, nonostante la fatica, quest’attività poteva risultare corale, aggregante, e sovente anche piacevole.

Lavatoio in Località Fontane - Esempio Di Lavatoio presso il fiume
Esempio di lavatoio

Tuttavia in inverno, rompere il ghiaccio, maneggiare pezzi di sapone fatto in casa, sciorinare, usare la liscivia, oggi del tutto sconosciuta, non era uno scherzo. Specie se la famiglia era numerosa, c’erano dei bambini che sporcavano pannolini di stoffa, e si accumulavano ceste di asciugamani e lenzuola, non era facile e le mani diventavano viola. Eppure tante “donne di paese” e di campagna, che hanno vissuto quell’epoca, ricordano con malinconia le loro riunioni al lavatoio. A Sezze prima del 1858 non c’era l’acqua in casa.

Lavatoi pubblici lavatoio località Fontane

Quindi anche lavare nella tinozza, non era tanto agevole e proponibile. Molti setini hanno particolarmente a cuore le sorti dell’antico lavatoio pubblico in località Fontane, nome evocativo. Naturalmente è in disuso, e al momento “male in arnese”, visto il tetto danneggiato. Alle Fontane vi era un Piccolo lago dietro la mola di Montino Gori. Non pochi cittadini desiderano un restauro, anche perché la copertura in legno ha un pregio.

Lavatoio in Località Fontane - Antica Lavatrice in legno
Esempio di antica lavatrice a manovella

Un po’ in tutta Italia, si sta diffondendo l’idea di tornare a lavare in estate al lavatoio, almeno alcuni capi particolari. L’acqua del lavatoio le Fontane arrivava direttamente dalla fonte della Sagliuta; che si trova pressappoco a un migliaio di metri dal lavatoio stesso. Il flusso idrico giungeva al lavatoio attraverso una tubazione in ferro; che dovrebbe essere ancora ben visibile lungo la relativa Via Carizia. La fonte c’è ancora, potrebbe confluire ancora volendo, ma il lavatoio oggi è ahimè chiuso.

Monumenti setini

Si tratta comunque di un luogo attorno al quale si è svolta una gran parte della vita sociale della comunità. Le donne che hanno trasmesso oralmente le loro storie, raccontano che erano contente di andare a fare il bucato.

Lavatoia in Località Fontane - lavatoio da angolazione sul

Si prestavano il sapone, e si “raccontava il gazzettino del paese”. Ci si scambiavano le novità e si facevano anche dei pettegolezzi, ma erano chiacchiere bonarie di paese in fondo. Quando faceva caldo, tra sorelle ci si litigava il turno per andare a lavare, perché ci si rinfrescava e si metteva anche ad asciugare il bucato sui cespugli. Si faceva la “siesta”, si mangiavano le more, e qualche ragazza aveva la scusa per incontrare il fidanzato di nascosto. Una cosa su cui tutte sono ancora d’accordo è che quel bucato era profumato, e restava così a lungo. A casa tutte stiravano con il ferro a carbone.

Luoghi di ritrovo

Guai a riporre anche solo uno strofinaccio stropicciato; altri tempi. Questi luoghi storici di aggregazione, vanno censiti, recuperati e valorizzati, magari con una targa che ricordi quelle donne. Consideriamo ad esempio che prima del 1858 c’era un lavatoio a Santa Maria delle Grazie ad Opera dei frati Minori Osservanti Zoccolanti, ma privato. Un lavatoio stava alla Sagliuta e uno a Nocellitto. Poi ce n’era un altro ai Zoccolanti e un altro ancora era alle Fontanelle. Storicamente, è importante il lavatoio del mattatoio che arriva proprio con l’acqua pubblica a Sezze.

sfondo giallo - Lavatrice in miniatura

Quest’ultimo si realizzò sul terreno dell’orfanotrofio dei orfani di Guerra e d’influenza. Il terreno in principio era dei frati cappuccini, come buona parte di via variante; monte monticello, e la zona delle fontane. Ma c’era un lavatoio alla Crocetta, alla fonte dell’oro, poi alla fontana del sordo e al ferraccio. Recuperare, restaurare e rendere accessibili i vecchi lavatoi, significa davvero riannodare alcuni fili tra passato e presente.

Bucato al fiume

Si potrebbe portare delle scolaresche a conoscere dove si svolgeva una parte della vita di quelle donne. Inoltre si potrebbe fare dei tour guidati, restare in cerchio ad ascoltare una guida che potrebbe raccontare come si faceva il sapone cento anni fa. Si potrebbe imparare a usare la liscivia o fare dei brevi corsi di bucato, perché non è scontato che si sappia togliere una macchia da una camicia. Dove è possibile, potrebbe tornare a scorrere l’acqua e chi lo desidera potrebbe lavare nei vasconi. Alcune donne in talune zone lo fanno ancora. Pulire i terreni li valorizzerebbe e tutti ne trarrebbero giovamento. Si potrebbe anche fare delle tavole rotonde, organizzare lezioni di acquerello, o fare dei servizi fotografici.

Sapone per bucato a mano

Inoltre i bambini potrebbero essere portati a fare delle merende e stare in un luogo da apprezzare dal punto di vista storico. Sarebbe bellissimo poi apporre una targa per ricordare quelle donne che hanno speso tanto delle loro vita per fare lavori molto pesanti e faticosi.

Fonte foto – pag/gruppi Facebook – Sezze

© Riproduzione riservata

Lavatoio località Fontane, simbolo setino ultima modifica: 2022-09-20T07:00:00+02:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x