itLatina

CICERONE MITI E LEGGENDE

Ombelico di Roma e del mondo, l’avete mai visto?

Ricostruzione 2

Ombelico di Roma, lì sotto il nostro naso, ma lo conosciamo? Chi visita Roma, difficilmente si sofferma a dare un’occhiata “all’Umbilicus Urbis Romae”.

Turismo - Foro di Roma

Chissà quante volte è capitato sotto il nostro naso, ma non abbiamo fatto molto caso a questa costruzione antica e importantissima. Narra Plutarco che Romolo in persona scavò una fossa circolarenel luogo che ora è chiamato Comizio”.

Ombelico di Roma

Qui gettò primizie di ogni cosa, come offerta sacrificale agli Dei. Si tratta quindi di un antichissimo rito alla Dea Terra. I seguaci di Romolo, a loro volta, gettarono un pugno della loro terra d’origine. In tal modo le terre si univano sotto la stessa Dea e la stessa Urbe. Roma era nata ed era sacra. A quanto pare, lo stesso rituale, di gettare un pugno qui nell’umbilicus, rimase per ogni nuovo cittadino romano.

Ombelico Di Roma - foto del preziosissimo reperto archeologico

Questa fossa prese il nome di Mundus. Festus lo chiama “ostium Orci”, cioè il cancello dell’Orco. Qui però l’Orco significava Tartaro o Averno, cioè il mondo dei morti. La fossa era il centro del solco circolare. Intorno ad essa era stato tracciato con l’aratro, trainato da un bue e una vacca. Questo solco era il pomerium di Roma. Il rito compiuto dalla coppia di buoi, simboli lunari dell’antica Dea è un altro simbolo.

Ombelico di Roma e ombelico del mondo

La testa del bue era scolpita nelle erme sacre; insieme alle fronde d’alloro. L’apertura del mundus stabiliva una comunicazione con gli Dei Mani, con gli Dei Plutone e Proserpina, regnanti sull’oltretomba, col popolo dei morti. Da lì passavano i Mani, ovvero le anime dei morti buoni, dei parentes; delle persone di famiglia dalle quali ci si aspetta protezione e benevolenza anche dopo la morte.

https://frosinone.italiani.Ombelico di Roma - Passeggiate Per Roma Curiosa
fonte foto – pag. Facebook Passeggiate per Roma curiosa

La costruzione, in origine di forma conica, aveva una porticina per consentire l’accesso all’area sotterranea. Un tempo era impreziosita di marmi bianchi e colorati. Era quindi questo il centro della città ed era il confine fra il mondo dei vivi e dei morti. La fossa, di forma circolare, era chiusa da una pietra e rimaneva chiusa per tutto l’anno ad eccezione di tre giorni. Si apriva il 24 agosto, il 5 ottobre e l’8 novembre. Durante questi giorni, i morti di invadere il mondo dei vivi.

Plutarco

In quei 3 giorni sacri e solenni, era proibito svolgere qualsiasi attività pubblica. Quindi era considerato assolutamente sacrilego dare battaglia o cominciare una guerra; ma anche arruolare soldati, salpare con le navi o unirsi alla moglie per avere figli. I Romani ritenevano che era meglio prendere iniziative quando era chiusa le bocca di Plutone, ovvero la bocca degli inferi.

Cupola - via dei fori imperiali

Oggi resta un reperto importante di una costruzione conica in mattoni alta 2 m e con un diametro di 4.45 m. Quello che vediamo sembra risalga di fatto all’epoca severiana; posta infatti tra i Rostra e l’Arco di Settimio Severo. L’ombelico di Roma, non solo è il centro della città, poiché l’Urbe è la Caput Mundi, anch’esso è il centro del mondo.

Ombelico di Roma e del mondo, l’avete mai visto? ultima modifica: 2021-09-10T08:00:00+02:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Julieta B. Mollo

Wow! 😮

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x