San Lorenzo di Sezze, una meraviglia dal XIV secolo - itLatina

itLatina

CHIESE LUOGHI DI RITROVO

San Lorenzo di Sezze, una meraviglia dal XIV secolo

San Lorenzo di Sezze - Chiesa Interni con banchi

San Lorenzo i Sezze, una delle più antiche chiese di Sezze; parrocchia del beato Carlo, elevato agli onori degli altari da Leone XIII beatificandolo. Dapprincipio era gotica, con l’abside. Probabilmente l’intera struttura originaria risale al XIII secolo, la quale insiste su una basilica paleocristiana. Sappiamo che esiste una cripta, che tuttavia non è visitabile.

San Lorenzo di Sezze

Esiste una documentazione che parla di un importante restauro, contemporaneo a San Carlo, poiché si trattava della sua parrocchia. Un successivo restauro ne offuscò quasi completamente l’originario stile, ma se arriviamo fino ad oggi, ci rendiamo conto che quella che oggi possiamo definire una chiesa di quartiere, è graziosa e ricca di decorazioni e fregi.

San Lorenzo di Sezze - San Lorenzo il busto

Si affaccia sull’omonima piazza e ha visto nei secoli, scorrere la vita dell’operosa e devota comunità. Le donne sciamando dai vicoli, si riversavano nella parrocchia, curandola come si trattasse della propria casa. Tornando alle cronache antiche, si parla di una aggiunta da un lato della porta che in origine stava nel mezzo. Nel corso della sua lunga storia, la volta fu demolita all’epoca la si rifece per pericolo di crollo. A seguito di questi importanti restauri, sulla sinistra, emersero su “mastice rosso”, disegni antichi; degli affreschi e forse ve ne sono anche nella parete opposta.

Chiese di Sezze

Cronache antiche parlano di un primo arco da cui si vede l’effige della Santa Vergine. Ella con la destra sorregge Gesù Bambino e dolcemente lo stringe al seno. Con la sinistra invece prende un lino di colore verdognolo, con cui stringe il piedino del figlio con sandalo e legatura nera. Ha il manto nero che ricopre il capo, la veste rossa con bordo nero, punteggiato di segni che simboleggiano perle. Il capo adorno di aureola dorata, abbellita anch’essa di perle.

San Lorenzo di Sezze - Facciata della chiesa

Il viso tendente al bruno è inclinato verso il santo bambino con occhi pensosi e i capelli sono biondi. Un drappo ornato da piccoli quadrati che racchiudono fiori uguali; con quattro foglie diagonalmente poste, ricopre il trono dove la Santa Vergine è posta. A destra c’è l’effigie si Sant’Antonio primo eremita. Ha veste bianca, barba bianca anch’essa e radi capelli. Ha un mantello nero con cappuccio.

San Carlo da Sezze

Nella mano sinistra ha un libro chiuso con copertina rossa. Nell’altra parte della chiesa vi è una figura il cui viso era ricoperto da diverse mani di calce. Si tratta proprio di San Lorenzo, molto somigliante a quello dipinto dal “Fracassini”, che forse lo ritrasse ispirandosi ad antiche icone. Il lavoro, sempre secondo i documenti, dovrebbe essere del XV o XIV secolo.

San Lorenzo di Sezze - Chiesa Interni con banchi

In ogni caso, dopo il secondo arco, vi è l’effigie di una santa, di cui però si vede solo una mano. Sullo stesso muro possiamo ammirare l’effigie di Sant’Antonio da Padova. Ha l’aureola con i raggi e l’abito succinto, stringe un giglio nella destra, simbolo della sua verginità. Nella sinistra stringe un libro. L’affresco si definisce valente. Gli altri due dipinti sembra siano stati nascosti per via delle incursioni Napoleoniche.

Chiese setine

Ciò creò un vantaggio al luogo, ma non ai parrocchiani, che dovettero andare e stare un po’ stretti nella parrocchia della “Speranza”. Era encomiabile la devozione dei parrocchiani, che trovando la chiesa stracolma, secondo le cronache, s’inginocchiavano fuori sul selciato. Nelle cronache s’invocava l’intervento di San Carlo per restaurare la chiesa in tutto e restaurarla alla comunità.

studioso - lo studioso Camille Enlart

Oggi sappiamo comunque che la chiesa, insiste sopra strutture murarie romane ed in parte proprio sulle mura di cinta. Come accennavo, fino al 1892 la chiesa di San Lorenzo era in stile gotico-cistercense. Possiamo ammirare la una pregevole pala d’altare restaurata non da molto. Vi è proprio l’effige del martirio di San Lorenzo.  Come dicevo, la Chiesa di San Lorenzo si trova proprio nella piazza omonima, a Sezze; a ridosso delle antichissime mura medievali. Da fuori l’edificio sembra scarno, un po’ povero.

Camille Enlart

Ma si nota il piccolo e grazioso campanile a vela. E’ lì da sempre come una sentinella. Chi non ha mai visto la bella chiesa, entrando per la prima volta, resta stupito dalla bellezza dei decori e dai dipinti. Sulla piazzetta antistante la chiesa, situata in via Flacco, si trova la casa-museo di san Carlo da Sezze.una precisa descrizione lo storico francese Camille Enlart.

© Riproduzione riservata

San Lorenzo di Sezze, una meraviglia dal XIV secolo ultima modifica: 2022-10-10T07:00:00+02:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x