Sbarco ad Anzio l'Ass. Nazionale Combattenti onora i caduti - itLatina

itLatina

COMITATI MEMORIA

Sbarco ad Anzio l’Ass. Nazionale Combattenti onora i caduti

Sbarco ad Anzio - Aereo della seconda guerra mondiale

Sbarco ad Anzio, solo pochi giorni fa c’è stato l’anniversario dell’operazione #Shingle; ovvero l’iniziativa militare dello sbarco anfibio delle truppe Anglo Americane sulle coste italiane. Lo scenario è il Mar Tirreno. Ci troviamo nella zona tra Anzio e Nettuno.

Sbarco ad Anzio

Era il 22 gennaio del 1944, si stava scrivendo una pagina di storia e accadeva durante la campagna d’Italia nel momento più caldo della seconda guerra mondiale. Si tratta dunque di una pagina di storia che ricorda pertanto anche l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci della Sezione di Latina

Sbarco ad Anzio - Sbarco in Normandia

È quindi il 22 gennaio 1944 e siamo in piena Seconda Guerra mondiale; quando gli Alleati sbarcano ad Anzio, a soli 62 km da Roma. Si arriva così ufficialmente all’inizio dell’Operazione Shingle. L’obiettivo da centrare da parte delle truppe anglo-americane è quello di aggirare le difese tedesche sulla Linea Gustav; puntando così dritti verso la Capitale. Ahimè, l’operazione si conclude con un fallimento sostanziale e le forze alleate sono così costrette a rimanere circoscritte alla zona di Anzio fino alla fine di maggio dello stesso anno. Possiamo dire che l’operazione stessa vede la sua conclusione solo il 26 Maggio del 1944.

Latina già Littoria

Quindi è il giorno successivo l’occupazione della città di Littoria, oggi Latina. All’epoca la città, si vide messa a ferro e fuoco. L’intero territorio per quattro mesi, è scenario di cruenti combattimenti tra le truppe Anglo-Americane e Italo (R.S.I.)-Tedesche. L’operazione Shingle, con la quale gli Alleati avrebbero “piantato un pugnale nel fianco destro di Kesselring”; rappresenta l’unico tentativo di sbarcare alle spalle del fronte tedesco in Italia.

Sbarco ad Anzio - Monumento ai caduti

Fin dall’inizio non si svolge quindi secondo le previsioni dei comandi anglo-americani e del primo ministro Churchill. L’attacco non si giova neppure di un effetto sorpresa strategico poiché la Luftwaffe; nonostante le innegabili difficoltà in cui si dibatteva, ai primi di gennaio riesce a scattare alcune fotografie aeree del porto di Napoli. Dove si individuano movimenti che fanno pensare a un imminente attacco anfibio. Il feldmaresciallo Kesselring, dunque, aggiorna la pianificazione prevista in caso di sbarco e richiama rinforzi dal versante adriatico.

Linea gustav

Orbene, il primo attacco degli Alleati nel settore di Cassino inizia il 18 con un’offensiva generale su tutta la linea del Garigliano; e fa sì che Kesselring concede queste riserve al preoccupato generale von Vietinghoff. Consente così al VI Corpo d’armata di sbarcare incontrastato e stabilire senza problemi una testa di ponte.

Sbarco ad Anzio - Carro Armato della seconda guerra mondiale

Il resto è storia moderna. Nondimeno, oggi dopo quasi ottant’anni, un pensiero lo rivolgiamo a tutti i caduti; che furono divisi in vita nel conflitto, ma comunque uniti nel comune destino; periti nel sommo adempimento del dovere. L’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci ricorda l’evento. “Resta a noi oggi l’onere e l’onore, in rispetto e ossequio ai dettami statutari, di glorificare i caduti in guerra di tutti i fronti, perpetuandone la memoria. Di fronte ad essi ci mettiamo sull’attenti, in rispettoso silenzio, e salutiamo! Onore ai caduti”

© Riproduzione riservata

Sbarco ad Anzio l’Ass. Nazionale Combattenti onora i caduti ultima modifica: 2022-01-25T07:00:00+01:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x