CULTURA EDIFICI STORICI

Antiquarium Comunale, la storia antichissima dell’Agro Pontino

Antiquarium Comunale - Borgo Sabotino

“Antiquarium comunale”, nato nel 1997 e fonte d’ispirazione! Sorto grazie a reperti donati da privati, che poi sono stati integrati con quelli superstiti dell’Antiquarium degli Anni Trenta, è una realtà importante. La struttura consta di quattro sale all’interno del Procojo di Borgo Sabotino, che è l’antica struttura proto-industriale ottocentesca per la lavorazione del latte.

Antiquarium Comunale

Antiquarium comunale, vuol dire memoria, e ha trovato posto in questa struttura, distaccata dall’area urbana della città di Latina. La scelta ha voluto collegare in modo ideale, i vari momenti della storia del territorio pontino. Si tratta di una storia antica, che affonda le origini nella preistoria e le tracce lo testimoniano.

Antiquarium Comunale - antica Lucerna in terracotta
lucerna in terracotta

A tal proposito, l’edificio dell’Antiquarium si trova accanto a strutture monumentali alquanto vetuste, come il Ponte dei Genovesi e la Torre di Foce Verde. Queste strutture evidenziano la testimonianza dell’uso del territorio, riguardo i collegamenti, e la difesa. La preistoria, la protostoria, l’età arcaica e l’età romana, sono ben rappresentate, e si vedono come tappe di un racconto che giunge fino alla Bonifica. A integrare ancora la ricchezza archeologica, si auspica che avvenga la restituzione di reperti. Tali ritrovamenti, rinvenuti in quest’area e ora collocati altrove o custoditi nei magazzini della Soprintendenza Archeologica, definirebbero meglio un quadro storico.

Antiquarium Comunale di Borgo Sabotino

Al riguardo si rileva, che reperti archeologici esposti nell’Antiquarium sono stati rinvenuti spesso casualmente nel territorio durante i lavori di bonifica. Non essendo sempre nota l’esatta localizzazione dei luoghi di ritrovamento, il materiale è esposto per tipologie, con rimandi a immagini di contestualizzazione territoriale.

Antiquarium Comunale - Pesce Fossile di Pesce

Pertanto, l’Antiquarium è concretamente l’occasione per ricostruire vicende di antropizzazione locale; è in stretta relazione con altri musei dei comuni che si affacciano sulla Pianura Pontina. Al riguardo, nella prima sala è esposto materiale cartografico e fotografico inerente la nascita del Borgo. E’ importante sottolineare che l’Agro Pontino come si evince dai reperti preistorici, e dai frammenti architettonici, scultorei, è popolato dalla preistoria. Oltre da cartografia originale del XVII-XVIII sec. che testimonia le grandi trasformazioni del territorio. Naturalmente, apparati didattici relativi alla formazione geologica dell’area accompagnano il visitatore.

Preistoria nell’agro Pontino

Dai reperti che risalgono a 500.000 e a 6.000 anni fa, si passa all’industria litica del musteriano pontiniano rinvenuta lungo le valli dell’Astura; del Gorgolicino-Cicerchia e sulle paleo rive del Lago di Fogliano. Nelle due sale contigue, è esposto materiale epigrafico, nonché scultoreo, fittile e architettonico, e marmi di pregio. E’ presente un’interessantissima campionatura di ex-voto in terracotta, piombo bronzo, ma anche bolli laterizi e reperti legati alla tessitura.

Antiquarium Comunale - Fossile Rinvenuto su pietra

All’interno della struttura ci sono reperti strettamente legati alle antiche rotte nautiche e terrestri, e allo stivaggio delle anfore. Ci sono ceppi di ancore, anfore, lucerne, oggetti ritrovati nei relitti, vasi etrusco-romani, magno-greci, romani; a documentare antichi insediamenti nell’agro pontino. Dal Museo “M.Valeriani” vi è stata trasferita la sezione numismatica.
L’Antiquarium si trova a Borgo Sabotino, Strada Foce Verde N63. TEL. 0773.652632 – 0773.652640 – 0773645061. Orario: 09.00/13.00 dal lunedi al venerdi, 16.00/18.00 martedì e giovedì. Apertura serale durante il periodo estivo.

Fonte foto Pixabay- foto in evidenza: wikipedia – Alessandro Antonelli

Antiquarium Comunale, la storia antichissima dell’Agro Pontino ultima modifica: 2019-12-18T22:28:30+01:00 da Redazione

Commenti

To Top