CULTURA EDIFICI STORICI

Latina e l’architettura razionalista con un’identità propria

latina e l'architettura razionalista- la torre dell'orologio

fonte foto - Wikipedia - CC BY 3.0

Latina e l’architettura razionalista è un’identità intrinseca, inscindibile; costruita con il nome di Littoria, come Pontinia, Sabaudia, Pomezia e Aprilia, nate con l’identità snella del classicismo e prorompente nello slancio.

Latina e l’architettura razionalista - il Colosseo Quadrato

Latina, costruita nemmeno un secolo fa per esprimere con l’architettura la grandezza del regime fascista, mostrava sotto il sole del litorale, il suo carattere giovane. La città nata sulla costa laziale, doveva accogliere con terre e fertili, aspetto classico e moderno, quei contadini del nord che chiedevano lavoro.

Latina e l’architettura razionalista che fu Littoria

Latina, la prima delle città nate, emersa da quella terra resa fertile, direi gravida di speranze, con il nome di Littoria, nacque nel 1932. L’artefice fu l’architetto Oriolo Frezzotti, che disegnò un modello planimetrico centrale e radio centrico. In divenire, si andò subito oltre i borghi rurali delle campagne circostanti, realizzando un’opera che doveva ricordare a tutti la “grandezza” del regime e del lavoro italiano.

Latina e l’architettura razionalista - Sogni palazzo in azzurro polvere
“Tresigallo” by geraf is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

La nuova città dovesse essere capoluogo di Provincia, quindi i lavori che procedevano velocemente; mutarono, in una serie di opere di modifica e di nuove costruzioni mirate a soddisfare le ambizioni di “grandezza” della nuova città. Daltronde l’interesse generale della stampa nazionale ed internazionale cresceva e al contempo plasmava l’opera influenzandola. Le variazioni tuttavia non alterarono il progetto iniziale; semplicemente non esasperarono la rigidezza degli assi della struttura. Un sistema di piazze integrerà e sostituirà l’idea di centro del borgo rurale.

Latina già Littoria

Oggi vediamo enormi colonnati che si accostarono a bassi porticati intonacati. Un insieme “eclettico” con cui l’architetto si prefisse di accostare due anime: quella rurale e quella monumentale. La voglia di stupire il mondo con la rapidità del lavoro italiano, per una edificazione che si voleva concretizzata in poco tempo, era vitale.

Latina e l’architettura razionalista - Roma Razionalismo
Esempio di razionalismo a Roma – by HyoTsuk is licensed under CC BY-NC-SA 2.0

La contaminazione stilistica di Frezzotti, la presenza futurista di Mazzoni, l’influenza di Nicolosi, determinano un insieme di creatività; che si è poi concretizzò in un qualcosa di unico che probabilmente neanche gli autori allora avevano previsto nelle potenzialità della città che stavano creando. Restano comunque evidenti, pur tra le tante contraddizioni, e le diverse influenze, il genio italiano, e la caparbia voglia di fare, che generarono Littoria. Essa costituisce un “unicum” delineato in tutto il suo spessore, ricco di sperimentazione, foriero di ricerca, che ha generato una vera e propria logica architettonica.

L’architettura razionalista

Orbene, gli edifici simbolo di questa epopea urbanistica razionalista, ancora oggi, hanno dunque tutte le ragioni per essere riconosciuti come oggetto di studio; di turismo settoriale, e sono senza dubbio vanto e ispirazione artistica per chi li vive ancora oggi in quello snello classicismo. E’ innegabile la grande innovazione concettuale dell’architettura razionalista degli inizi del ‘900.

Latina e l’architettura razionalista- ufficio postale di Latina

Il razionalismo italiano e i suoi interpreti dell’epoca si distinguono, rispetto ai modelli ispiratori europei, per non aver affatto condannato la tradizione classica. La capacità di trasformare abilmente e in modo dinamico la tradizione in qualcosa di più attuale, è stata grandiosa. Al contrario di ciò che talvolta è stato sostenuto, la creatività non è stata affatto condizionata, invece è stata rivoluzionaria del moderno linguaggio architettonico. Ogni linea slanciata, funzionale, pulita e sinuosa al contempo, ha esaltato un regime, ma da esso è stata esaltata.

Latina nata nel 1932

Da Latina e l’architettura razionalista in poi, si arriverà al riconoscimento della valenza innovativa del movimento dell’epoca; tutt’altro che dipendente da un regime, bensì ricollocato nel ruolo che gli spetta. Le migliori realizzazioni architettoniche e i migliori interpreti nella storia dell’architettura, italiana e non solo, oggi sono scevri da ogni ideologia. Il quadro evolutivo dell’architettura di inizio secolo, riguardo la fondazione di Littoria, possiamo dire che è stata una delle più importanti “officine sperimentali”; nonché interessanti nell’urbanistica italiana che oggi riscopre un razionalismo bello e interessante.

Latina e l’architettura razionalista con un’identità propria ultima modifica: 2019-12-18T14:05:00+01:00 da Redazione

Commenti

To Top