I LATINENSI RACCONTANO LATINA

itLatina

pubbliredazionale CICERONE ITINERARI

Sezze e le sue origini un luogo che vale la pena visitare

Sezze - Sezze Di Notte
Articolo promozionale

Sezze e le sue origini; rimandano ad un’epoca molto remota. La leggenda narra che la bella località da cui si vede un meraviglioso panorama colorato dal mare; ebbe come fondatore Ercole e la sua progenie.

filosofo - GoetheGente coriacea, che ha attraversato i millenni, giungendo fino a noi.

Sezze

Si narra che Ercole, avendo vinto il popolo dei Lastrigoni, giunto in alto a Sezze; si congiunse con una bella vergine. Dall’unione nacque Faustus; un eroe minore, citato nella poesia apocrifa del ciclo epico. Al riguardo, nello stemma setino c’è il leone nemeo, della cui pelle s’adornava proprio Ercole. Il felino regge una cornucopia straripante frutti, con la scritta: “Setia plena bonis gerit albit signa leonis. Sezze piena di beni porta l’insegna del bianco leone”. Il nome Sezze deriva appunto dalle setole leonine.

Sezze - Vicoli Di Sezze

Molto antiche sono quindi le vestigia di Sezze; lo testimoniano gli importanti reperti archeologici. Orbene qui c’era una colonia latina intorno al 382 a.C. Tra corsi e ricorsi storici, sembra che Sezze, dalla posizione privilegiata; durante la guerra civile tra Mario e Silla, fu conquistata dal secondo nell’82 a.C. Nell’antichità erano molto noti i fertili e ambiti campi di Sezze, anche sede di diverse ville romane.

Sezze fondata da Ercole padre di Faustus

La città vale una visita, e tra l’altro è anche citata da Marziale, Giovenale e Cicerone, per il suo meraviglioso vino e il coraggio dei suoi uomini. Sembra che qui sia nato il poeta latino Gaio Valerio Flacco; autore del poema epico Argonautica. Facendo un balzo in avanti, nel 1690 vi fondarono l’Accademia scientifica letteraria degli Abbozzati; riconosciuta poi come colonia arcadica dall’Accademia dell’Arcadia di Roma.

Sezze  - Broccoletti setini

Anche Goethe cita Sezze nel suo Viaggio in Italia; visitata durante il suo itinerario nella campagna romana. Una curiosità è che da queste parti trovò rifugio John Suratt; l’unico tra gli assassini di Lincoln che riuscì a sfuggire. Negli anni Trenta del 900’, nella pianura di Sezze, ebbe sede un campo di volo a vela; in cui nel 1939 si svolsero delle prove di valutazione per gli alianti da usare durante le Olimpiadi di Tokio del 1940.

San Lidano

Come dicevo, oggi, vale la pena visitare la località pontina, per alcune sue bellezze architettoniche di tutto riguardo; ma anche per la rinomata cucina, caratterizzata da alcune specialità davvero uniche. Assaggiare i carciofi di Sezze è un assoluto privilegio. Ogni anno si tiene la nota “Sagra del Carciofo”; di fatto la principale sagra paesana, e si svolge normalmente due domeniche prima della Pasqua.

Sezze  - Mozzarelle dell'agro pontino

E’ un evento importante che richiama sempre moltissimi turisti. Poi i broccoletti di Sezze sono qualcosa di paradisiaco, uniti alla salsiccia pontina. L’allevamento del latte di bufala poi, con la tipica mozzarella è un’eccellenza come le crostatine di visciole. Tuttavia, passando dal sacro al profano, uno degli eventi di maggiore rilievo è anche la nota “Via Crucis” di Sezze. Si tratta un evento di rilievo nazionale; davvero accurato, e toccante, che i setini allestiscono con grandissimo fervore.

San Carlo da Sezze

Si tratta di una rappresentazione con attori e figuranti locali; che si svolge la sera del venerdì santo. Degna di nota è anche la Fiera della Croce; che si tiene il 3 maggio di ogni anno in concomitanza della festa della santa Croce a settembre. La città è molto legata al San Lidano; che come monaco edificò il monastero di Santa Cecilia. panorama - Pianura Pontina

Egli si occupò anche della bonifica del territorio a valle. Oggi San Lidano è patrono della città. Tuttavia, Sezze ha pure San Carlo come Patrono, anch’egli molto amato. La festa si celebra sin dal Medioevo il 2 luglio, nella ricorrenza di san Lidano. Bella la fiera di San Luca, che si tiene ogni 18 ottobre e rappresenta l’evento anticamente più importante per il paese; dedicato all’originario Santo patrono. Antica e bella la cattedrale da scoprire, con un belvedere bellissimo. Una capatina alla chiesetta di San Lorenzo; un incanto!

fonte foto: Pixabay/pag. uff Facebook Sezze

Sezze e le sue origini un luogo che vale la pena visitare ultima modifica: 2020-09-17T07:00:00+02:00 da Redazione
To Top