Tesori archeologici incredibili nel territorio pontino - itLatina

itLatina

ARTE CICERONE

Tesori archeologici incredibili nel territorio pontino

Tesori archeologici - Gaeta e una veduta

Tesori archeologici affiorano quando meno te l’aspetti. Proprio a Gaeta durante dei lavori di scavo per un metanodotto in località Sant’Angelo-25 Ponti è accaduto qualcosa che ha destato meraviglia e curiosità.

Tesori archeologici

E’ emersa una villa d’età imperiale, che sarà una rivelazione studiare a fondo. Non solo, sono emersi non solo resti di questo genere, ma anche delle tombe a cappuccina d’epoca romana. Sapevamo già di camminare su vestigia molto antiche e importanti, ma averne prova tangibile poter aggiungere dei tasselli alla nostra memoria è molto rivelativo ed emozionante.

Tesori archeologici - Lapide e una ancella

Si tratta di scoperte eccezionali, effettuale anche grazie al lavoro della Soprintendenza, che seguendo determinate tracce effettua delle indagini esplorative in luoghi precisi. Come dicevo, gli scavi archeologici sono stati compiuti nell’ambito di una “procedura di archeologia preventiva”. Ha lavorato in “loco” la ditta archeologica Ares srl; sotto la direzione del dott. Gianluca Melandri, della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio delle province di Frosinone e Latina, diretta dall’architetto Lisa Lambusier. Sappiamo che i romani tumulavano i defunti lungo le vie consolari e quindi si delineano maggiori tracce precise.

Villa romana a Gaeta

Interessanti alcuni ambienti della villa relativi all’area residenziale (pars urbana); con una parte di pavimentazione a mosaico. Vi sono delle decorazioni con volute vegetalizzate; databili pressappoco intorno alla fine del II secolo d.C. Poi è emersa anche parte della zona produttiva della villa, strutture che all’epoca tendevano ad essere il più possibile autonome. Gli esperti hanno individuato delle opere murarie di arginatura, databili presumibilmente all’epoca tardo-repubblicana. Quindi c’è un vero tesoro su cui studiare e lavorare.

Tesori archeologici - Anfore romane

Comunque interessante è stato “inquadrare” ad esempio l’ambiente del torcularium della villa; per via della presenza del pozzetto per l’alloggiamento del contrappeso in pietra appartenente ad un torchio “catoniano” a leva. Si è trovato anche le staffe in ferro dei fulcri che erano infissi in una pietra ancorata al terreno. La funzione era di sostenere la leva che serviva alla pressatura.

Tombe romane a Gaeta

Poi anche l’ara da cui si diramavano due canalette che convogliavano il liquido di premitura nei bacini di decantazione, posti più in basso. Rinvenuto infine un altro vano, quella che era una stanza con un grande contenitore in terracotta seminterrato. Probabilmente fungeva da cella di stoccaggio. Del resto, vi sono ambienti adibiti alla lavorazione della spremitura, e vasche, di raccolta. Oltre ai vani e questa struttura da lavoro, tra i materiali rinvenuti durante le indagini gli archeologi si sono ritrovati tra le mani numerosi frammenti di anfore, ovviamente soprattutto vinarie.

Tesori archeologici- Statua funeraria

Ma anche marmi e intonaci di rivestimento e parti di un altro pavimento più antico (età giulio-claudia) a mosaico con motivi geometrici. Si inquadra chiaramente in queste indagini anche un livello di frequentazione dell’età del bronzo, ma privo però di strutture riconducibili alla presenza di un insediamento stabile nella zona. Quindi nella villa si produceva vino!

Villa repubblicana e Tesori archeologici

Riguardo questo nuovo “capitolo archeologico”, la Soprintendenza ha preso contatti con il Comune di Gaeta per cercare di tutelare e valorizzare al meglio tutti i reperti. Oltre allo studio, la comunità dovrà poterne fruire. Sarebbe interessante anche riuscire a valorizzare le strutture, che dovrebbero appartenere alla comunità anche se presenti su terreni privati. Vicino a quelle sepolture sono inoltre state trovate tombe a cappuccina di epoca romana, prive di corredo, e ad est dei primi ritrovamenti strutture di una villa rustica di età imperiale (fine I sec. a.C.-inizi III sec. d.C.).

Tesori archeologici incredibili nel territorio pontino ultima modifica: 2022-11-29T07:00:00+01:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x