I LATINENSI RACCONTANO LATINA

itLatina

CICERONE ITINERARI

La tomba di Cicerone, fascino e archeologia a Formia

la tomba di Cicerone - Formia Sul Mare

La Tomba di Cicerone è uno dei monumenti più significativi della città di Formia, un reperto antico che cela un certo fascino e un pizzico di mistero. Il mausoleo si trova lungo la Via Appia in direzione Roma al Km. 139; e da sempre attrae curiosi e turisti. Il mausoleo è visitabile soltanto attraverso una prenotazione. E’ necessario contattate il Museo Archeologico Nazionale di Formia. Per informazioni e per prenotazioni è necessario chiamare il numero 349.5328280 oppure scrivere all’indirizzo mail [email protected]

La tomba di Cicerone

La tomba, risale all’età augustea, tuttavia ancora oggi rimane qualche dubbio sulla reale attribuzione del sepolcro al “Principe del foro”. L’archeologia ha un legame stretto con l’indagine, quindi non possiamo trascurare alcuni indizi interessanti che confermerebbero l’attribuzione. Orbene, sappiamo che in questa zona c’era un’imponente villa di Marco Tullio Cicerone.

Tomba Di Marco Tullio Cicerone in piena luce
fonte foto – Wikipedia – Carole Raddato – CC BY-SA 2.0

È a Formia che Cicerone amava trascorrere gran parte del suo tempo; nella sua lussuosa villa di Vindicio. Le dimensioni della tomba sono davvero notevoli, e ricordiamo che Cicerone morì proprio qui nel 43 a.C. La Tomba è alta 24 metri, ed è composta da una base quadrata che misura 18 metri di lato; sormontata da una torre cilindrica costruita ad anelli di pietra, ricoperta in origine di lastre di marmo. Una torre così imponente, doveva consentire di vedere il mausoleo da molto lontano, e doveva appartenere a una personalità non solo importante, ma molto ricca, come Cicerone era.

La tomba di Cicerone a Formia

All’interno della grande base quadrata si trova un’ampia cella funeraria circolare coperta da una volta anulare. Essa è circondata da sei nicchie perimetrali. Al centro vi è un pilone in pietra. La torre, invece, si compone di un’alta volta che poggia su un pilastro. Questo spazio che sembra quasi un quadrato, in realtà ha il lato lungo l’Appia che misura metri 80 e una profondità di 70 metri, con due porte laterali visibili ancora oggi.

la tomba di Cicerone - una veduta panoramica della tomba

Certamente il visitatore resta affascinato dall’imponenza monumentale della Tomba, che in origine appariva quadrata alla base e poi cilindrica. Dalla Via Appia, guardando con attenzione, si scorge chiaramente un tratto di strada pavimentato con basoli calcarei; largo più di due metri che sembra dirigersi naturalmente verso la costa di Vindicio. Il muro di recinzione dell’area circostante il Sepolcro di Cicerone ci è pervenuto piuttosto integro, e dona un certo fascino al Mausoleo.

Il mausoleo di Marco Tullio Cicerone

L’area circostante aggiunge grande mistica suggestione al monumento. La tomba si trova proprio alle porte della città laziale, in zona Acervara, proprio lungo l’antica via Appia, strada che nell’antichità rese ricca Formia. Il basamento quadrato in opera cementizia è di 50 piedi, coperto di paramenti in blocchi di calcare. Anche l’interno, è a pianta circolare: suddiviso in 5 aree in cui si pensa erano situate statue e altri oggetti votivi. Questo sito, un tempo era una proprietà privata.

La tomba di Cicerone - La Tomba Di Cicerone Dall'interno

Precisamente fino al 1938, la Tomba di Cicerone è stata un bene nella disponibilità di privati cittadini. Nel 1887 il Sindaco di Formia Pasquale Spina, tentò di acquisire la tomba per renderla pubblica. Iniziò un intricato dialogo che tra corsi e ricorsi storici, arrivò al 1930, quando il Podestà locale Felice Tonetti; grazie alla sua amicizia con il Direttore del Museo Archeologico di Napoli Dott. Amedeo Maiuri, intraprese una serie d’iniziative decisive.

Archeologia a Formia

Si arrivò a una procedura d’esproprio dei terreni interessati; che nel frattempo erano passati in mani diverse. All’epoca, l’intera proprietà era utilizzata come orto. Inoltre l’interno della tomba era adibito a ricovero giornaliero di animali; usati come mezzi di trasporto e spostamento da Gaeta a Formia e viceversa. Tra l’altro questa tomba non è l’unica in zona. Sulla collina vicina, infatti, sorge un mausoleo più piccolo, che conterebbe le spoglie di Tulliola, prima ed unica figlia amatissima di Cicerone, dalla salute cagionevole e morta a circa un mese di distanza dalla nascita del suo secondogenito.

fonte foto: pag uff Facebook Comune di Formia/tomba di Cicerone

La tomba di Cicerone, fascino e archeologia a Formia ultima modifica: 2020-07-09T07:00:00+02:00 da simona aiuti
To Top